stampa

Aset: "I lavori agli scolmatori non si fermano"

22 giugno 2017Aset: "I lavori agli scolmatori non si fermano"

Confermata la fine delle opere a Sassonia entro la primavera 2018.

Nessuno stop di Aset ai lavori per prolungare gli scolmatori, iniziati il 15 maggio scorso in via Ruggeri e in via del Bersaglio. La ditta appaltatrice sta infatti attendendo che Enel realizzi l'allaccio alla rete elettrica, necessario allo sbancamento e ad abbassare la falda con pompe idrovore. Un'esigenza di carattere tecnico, dunque: Aset non ha concesso alcuna sospensione, né ha allungato il termine per la conclusione dei lavori, che resta confermato entro la primavera prossima.

Come previsto dal proprio statuto, Aset spa garantirà l'accesso a tutti gli atti relativi all'approvazione del progetto, all'espletamento della gara pubblica e quindi alla stipula del contratto. Procedimenti che sono stati svolti nella maniera più celere ed efficiente possibile, nel pieno rispetto della normativa vigente.

L'intervento agli scolmatori in via Ruggeri e in via del Bersaglio richiede un investimento complessivo di circa 2 milioni e nel suo genere è un'opera unica in tutte le Marche. Farà della spiaggia libera a Sassonia uno dei luoghi più pregiati, anche dal punto di vista ambientale, in tutta la riviera fanese. I tempi dei lavori, il cosiddetto crono-programma, sono stati illustrati durante vari incontri pubblici organizzati da Aset e dal Comune di Fano, che hanno individuato come priorità imprescindibile la conclusione dei lavori prima dell'estate 2018.

La tempistica è stata messa a punto per evitare la perdita dei finanziamenti pubblici, minimizzando comunque l'impatto sulle attività turistiche del lungomare a Sassonia e garantendo, per quanto sia possibile, la fruizione della spiaggia. Per questi stessi motivi, si è dunque stabilito di avviare subito i lavori per realizzare la vasca dello scolmatore in via Ruggeri e le relative opere accessorie. In seguito, subito dopo il 15 settembre, saranno effettuati l'intervento relativo alla vasca in via del Bersaglio, che determinerà la chiusura al traffico della stessa strada, e le opere a mare per la posa delle tubazioni.

Aset e Amministrazione comunale di Fano sono i primi soggetti nelle Marche ad attuare il piano regionale per la tutela delle acque, che prevede di portare oltre i limiti di balneabilità gli scarichi a mare degli scolmatori di piena. Mentre nel resto delle Marche si cercano soluzioni per avviare i progetti, a Fano i lavori sono già iniziati.